adrianalibretti

Poesie, prose, foto e dipinti

Archivi per il mese di “settembre, 2015”

Intorno all’essere attore

“Essere attore consiste, a mio parere, nella mancanza di personalità, dirò di più, nella mancanza di coraggio. La personalità non è altro che il coraggio di mettersi in gioco, senza badare ai rischi (per sempio del ridicolo); l’attore invece, vale a dire, l’uomo che è attore nato, non ne è capace. Egli possiede la caratteristica opposta: per paura di essere sé stesso e l’incertezza della propria identità si identifica con gli altri, sempre pronto a somigliare, aderire, a darsi un volto altrui. Si realizza potenziando questo difetto: va in scena. Sulla scena non ha il diritto di essere sé stesso, il suo difetto si tramuta in professione, d’ora in poi si confronta con l’esistenza, non con la propria, bensì con quella altrui, immedesimandosi non con gli uomini, ma con i personaggi e imprimendosi non il volto di un altro, ma una maschera. Penso che i casi più celebri di grandi attori si verifichino quando l’artista, perduta la paura biologica di mettere a repentaglio la propria umanità, si trasforma nella sua creazione sintetica: solo allora tutte le sue parti divengono la sua personalità”.

(Dal romanzo Rondò, di Kazimierz Brandys”)

Viso ignoto. 2010, acrilico su carta

Viso ignoto.
2010, acrilico su carta

Diario di viaggio 5

E’ GRAZIE AI NODI

SE TRA LE DITA SENTO

SCORRERE IL TEMPO.

Foto di A.L.

Foto di A.L.

Diario di viaggio 4

Negletta infanzia

matrice di ogni uomo

sacra stagione.

.

Diario di viaggio 3

COSI’ SOSPESI

SIAMO TUTTI SOSPESI

TRA MARE E CIELO.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ponte ferroviario a Rameswaram (foto di A.L.)

Navigazione articolo