adrianalibretti

Poesie, prose, foto e dipinti

Archivi per il mese di “giugno, 2017”

In Sicilia

Ho appena fatto un viaggio che per quanto breve mi ha riconciliato col mondo. Suoni, odori e immagini che andavano sbiadendo hanno ripreso vigore facendomi apprezzare ogni istante.

Persa nella campagna siciliana, là dove in mare sfociano ben tre fiumi, la notte era un incanto.

Richiami di uccelli, stelle tremule, aria fresca in cui ondeggiava il velo della zanzariera. E in lontananza, la melodia della risacca.

A questo dono del cielo c’è da aggiungere una buona compagnia e un libro meraviglioso: “Canto della pianura”, di Kent Haruf.

E come non citare poi l’anziana guida di un museo quasi perso nel nulla, che continuava a ripetere – Oh quant’è bello il mio paese!

E i giovani di Favara, che instancabili progettano un futuro diverso per l’isola intera; un progetto che sta già diventando virale.

E il teatro e la danza, che di nuovo hanno animato le antiche rovine. E la musica al tramonto sulla Scala dei Turchi, come in un film di Fellini.

Insomma, capita questo: non appena le domande inutili (e le ripetitive, seppure inevitabili, incombenze quotidiane) si fanno da parte, lo spazio- tempo interiore si amplia. Torna così a balzare agli occhi il valore delle cose. Quanto meno questo è capitato a me. E tra le cose balzatemi agli occhi durante questo breve, intenso viaggio, eccone una piccola piccola ma non meno importante: ogni sasso di fiume è una scultura, un quadro, un’opera d’arte.

Così come il cammino tra gli alberi a ridosso del mare che ho avuto la fortuna di percorrere e di fotografare.

Buona estate a tutti, anche a chi può viaggiare solo con il pensiero.

WP_20170620_001

Annunci

Nelle acque

Per rivederti

ho traversato

acque.

Chinato

il dorso

sotto

le cascate.

Sudato

in un anfratto

della grotta.

In nebbia

d’onda

a fondo

respirato.

Sorriso

nelle bionde

rifrazioni.

Brindato

in allegria con

i fantasmi.

Pianto

a dirotto

al fuoco

di Prometeo.

Sorbito

ogni mia

gocciola

di sale.

Poi quando

– nuovamente –

è stata notte

la tua visita

– ecco –

all’improvviso.

Oh volto

mani

polsi

corpo tutto!

E tu che dici

– oh voce –

Io ti amo.

Gli occhi

distolgo

inghiotto

il desiderio

calpesto

bolle

d’incredulità.

Gli occhi

distolgo

per un soffio

uno.

Mi guardo

attorno

e già

qui

non sei

più.

WP_20170521_002

Peperoncino

passo di samba gioco

fuoco d’estate.

Non appassisci amore

sbocciato a primavera.

WP_20170613_002

Vocale

WP_20170415_001

C’è chi

cesella

in oro

le parole

chi ogni giorno

arabesca

i desideri.

Carapace

parola

cara-pace

troppo spesso

cercata

a diniegare.

Ma se

ideale amore

non è dato

resta

imperfetto amore

non perduto.

Esoscheletri

vedo

sul soffitto

traballanti

fonemi

sensi

doppi.

Vieni

linea di luce

fontanile

nuda vocale

te

voglio

scagliare.

A nulla

vale

pingere

finzione:

un calligramma

brilla e

ci contiene.

Navigazione articolo