adrianalibretti

Poesie, prose, foto e dipinti

Archivio per la categoria “Canzone”

Canzone

Frugando, ho ritrovato un vecchio testo, che poi venne musicato. Lo avevo scritto per un mio spettacolo di cabaret, un monologo andato in scena molto ma molto tempo fa. Nel rileggerlo oggi provo un po’ di tenerezza, comunque mi fa ancora sorridere e allora, beh… eccolo.

Canzone dell’outsider

Mi è stato detto: “Un giorno, vedrai sarai felice, robusta crescerà la tua radice!”.

Ma io, da piccolina, storcevo il naso sempre, di diventare un baobab, non m’importava niente. Volevo essere stelo, fluttuare come un velo, rincorrere il successo mi pareva un po’ da ossesso.

Il peso del successo è da elefante, per me il successo è solo una troia gigante, io questo l’ho capito perché da passante, ho visto un ricco manager buttarsi giù dal ponte.

Mangiavo solo pere, ma le volevo intere: la frutta senza buccia che aria spenta e squalliduccia! Dicevano: “Che sciocca, detesta l’albicocca, ci sputa l’amarena, non sarà giammai serena!”.

Il peso del successo è piombo fuso, per questo chi lo ottiene è spesso deluso, pertanto griderò fino a che ce la faccio: “Il prezzo del successo è un gran catenaccio!”.

Mia madre ripeteva: “Hai già la testa a pera, o cambi o la tua vita sarà dura!”.

Adesso son cresciuta, però non ravveduta, mantengo quell’aspetto da sventata… Non voglio avere niente che ingombri la mia mente, mi piace divagare e da sola ci so stare…

Non sempre chi si ostina ha un buon risultato, l’amore fugge via se si sente braccato, può essere che sbagli, non è dimostrato, ma spesso chi non cerca poi viene trovato.

E dunque, appena posso: via, giù a pedalare! Più lenta, più veloce, non sto a raccontare; le piante, i fiori, i prati io vedo sfilare e libera nel vento continuo a cantare!

20180316_151414

Annunci

La canzone dei vecchi amanti (La chanson des vieux amants)

La canzone di Jacques Brel  nella riscrittura e nell’interpretazione di Franco Battiato. Se non vi convince del tutto andate su youtube e troverete la versione originale francese, ancora più struggente.

Perché a volte è meglio starsene zitti.

E ascoltare.

Buon fine settimana a tutti.

Navigazione articolo