adrianalibretti

Poesie, prose, foto e dipinti

Archivio per il tag “albero”

Sull’Albero, ancora

Il Cosmo è simboleggiato da un albero; la divinità si manifesta dendromorfa; la fecondità, l’opulenza, la fortuna, la salute – o a uno stadio più elevato l’immortalità, la giovinezza eterna – sono concentrate nelle erbe e negli alberi; la razza umana deriva da una specie vegetale; la vita umana si rifugia nelle specie vegetali quando è interrotta innanzi tempo con malizia; in breve tutto quel che “è”, tutto quanto è vivente e creatore, in uno stato di continua rigenerazione, si formula per simboli vegetali. Il Cosmo fu rappresentato in forma di Albero perché, come l’Albero, si rigenera periodicamente. La primavera è una resurrezione della vita universale e di conseguenza della vita umana. Con quest’atto cosmico tutte le forze della creazione ritrovano il loro vigore iniziale; la vita è integralmente ricostituita, tutto comincia di nuovo; in breve si ripete l’atto della creazione cosmica, perché ogni rigenerazione è una nuova nascita, un ritorno a quel tempo mitico in cui apparve per la prima volta la forma che si rigenera.

Mircea Eliade

  WP_20170306_002

Annunci

A

Già scuoti i rami

ti protendi

ridi di frasi

dei versi del cinghiale

dei nostri ragionevoli

giochi bambini

delle A in coro

lanciate alle pareti.

 

Caschi

nell’orecchio a frinire

prima che le campane

rintocchino

le cento otto.

 

Il destino nel nome – suggerisci –

nella dolcezza delle arance – assaggia –

nei grappoli di acacia – senti –

nelle curve dei campi.

 

Foglie allo scherzo

temporale scampato

tortore a covare

e quell’angelo stronzo

a rispecchiarmi.

 

Non posso perderti

ho la prova

dove sei tu io sono

come te tendo braccia

che partono dal centro

accosto senza chiudere

le mani

ti accolgo in volo.

WP_20160611_009.jpg

Gli haiku non hanno titolo

CURVI LA NUCA
FRONDE MUOVONO IL CIELO
E TU SORRIDI.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Segreto

MAGARI E’ VERO

PERO’ NON OSO DIRLO

SE NON AL FAGGIO.

Navigazione articolo