adrianalibretti

Poesie, prose, foto e dipinti

Archivio per il tag “nostalgia”

I niul (Le nuvole), di Franco Loi

Prima di augurare a chi passa da qui buon agosto, desidero pubblicare una poesia di Franco Loi, gentilmente segnalatami dall’amico Antonio Fiori, a sua volta poeta e già apparsa il 9 marzo 2012 sul blog di poesia della rai di Luigia Sorrentino (che consiglio di visitare). E’ una poesia in milanese tratta dal libro “I niul”, pubblicato da Interlinea, che bene si accompagna ai miei pensieri e alle fotografie di nuvole che sto scattando compulsivamente da un po’ di tempo a questa parte, alla ricerca (infantile, banale e ingenua, che però continuo in qualche modo a sentire non del tutto vana) di chi ha lasciato questo nostro meraviglioso pianeta blu.

În niul rösa cun di buff de scür
ch’j passa su Milan nel scend la sera…
În niul ch’j sparìss int un fàss ciar
– se sent bujà un quaj can nel fàss de cera
i tecc luntan di câ, rümur se sfànn…
e dré d’un quaj barcun quajvün fa lera,
dü tri bagaj, ‘na balla, el ferr d’un tram…
‘Me che patiss ne l’ òm la luntanansa!
Cume patìss la vita nel tran tran!
Che bèla sera! ‘Me taja ‘l cel la ransa
che fa vegnì süj câ quèl rìdd legger
e a l’umbra di purtun la lüna dansa
tra quèl tasè di üsèj ch’j par penser.
Sono nuvole rosa con sbuffi di scuro / che passano su Milano nel scendere la sera… / Sono nuvole che spariscono in un chiarore / – si sente abbaiare qualche cane nel farsi di cera / i tetti lontani delle case, rumori si smorzano… / e dietro un qualche balcone qualcuno canticchia, / due tre bambini, una palla, il ferro d’un tram… / Come patisce nell’uomo la lontananza! / Come patisce la vita nella monotonia dei giorni! / Che bella sera! Come taglia il cielo la falce / che fa venire sulle case quel ridere leggero / e all’ombra dei portoni la luna danza / tra quel tacere d’uccelli che sembrano pensieri.

WP_20170731_003

Mami

Penso spesso a lei, mi manca. Cantava, dipingeva, tagliava e cuciva, sferruzzava. Aveva delle mani  e un’ugola d’oro ma la testa tra le nuvole; eppure  dimostrò, alla bisogna, di saper anche essere una donna concreta. Non era puntuale agli appuntamenti e capitava che bruciasse le pietanze (pur essendo un’ottima cuoca) perché aveva la pretesa di fare sempre troppe cose insieme. La ricordo incerta nell’eloquio, alla costante ricerca di frasi che forse non aderivano come avrebbe desiderato al suo pensiero.  Spesso nascondeva i gioielli che le regalava mio padre. Ne perdette parecchi, dato che le capitava di scordare il posto in cui li aveva imboscati. Amava la musica, i bambini, il mare. Era una giocherellona. Aveva degli abiti meravigliosi, che sfoggiava quando si esibiva in pubblico. Di lei restano, oltre a qualche disco della  Fonit-Cetra inciso nel dopoguerra come cantante, molti acquerelli. Eccone uno: Camogli.

Il suo nome era Maria Dattoli.

WP_20170506_001

5 aprile

Per te ogni fronda

foglia petalo frutto

per sempre aprile.

WP_20170403_001(Ascoltando April Fool di Patti Smith)

Di madre in figlia

Tanti, negli anni, i lavori teatrali presentati in sporadiche occasioni e prematuramente archiviati. Tanti i progetti rimasti purtroppo nel cassetto, anche per via di una scarsa capacità di gestione e di una innata indolenza . Il tempo fugge e Seneca me lo conferma ad ogni piè sospinto mentre leggo il suo “De brevitate vitae”. In puncto fugientis temporis pendeo, sono sospeso in un istante del tempo che fugge – scrive. Forse proprio per questo, anche se a tutta prima può apparire contraddittorio, mi piace indugiare adesso ancora più a lungo di un tempo su libri e trattati filosofici, nella consapevolezza crescente che “è un punto quello che viviamo, e ancor meno di un punto” e che affaccendarsi, tutto sommato, è cosa vana. Eppure ancora mi capita di riandare a trascorsi lavori teatrali che avrebbero, forse, meritato da parte mia minore incuria. Uno di questi è lo spettacolo “Dhvani/Risonanze”, che vedeva in scena, oltre alla sottoscritta, Daria Dāmini, ottima danzatrice di Bharatanatyam, nonché figlia mia. Iniziavo parlando al pubblico delle acque sotterranee di Milano per arrivare lentamente (e soprattutto attraverso la danza) a indagare il mistero della trasmissione di una passione, che spesso passa di madre in figlia. Esordivo parlando di acque segrete, quelle che appunto scorrono nei meandri del sottosuolo milanese. Ecco un breve stralcio del testo nella sua prima stesura.

D’acqua era coperta tutta la terra” – è scritto sulla Gènesi.

La fonte del Paradiso Terrestre irrigava tutto l’universo… e poi… le acque del Mar Rosso, quelle del Giordano, Mosé che fa scaturire le acque dal deserto…

Mia nonna raccontava che sua madre teneva in casa una quantità incredibile di ampolle di acqua benedetta… Milano era una città d’acqua… A volte mi sembra di avvertirne la presenza sotterranea… Acque che nel buio formano una specie di tela di ragno. La terra di mezzo, significa il nome Milano. A due passi dal Ticino e dall’Adda, attraversata dall’Olona, dal Lambro, dal Nirone, dal Seveso. Qui, ai tempi degli Sforza, il Naviglio lambiva l’Ospedale Maggiore. E a Santo Stefano c’era un laghetto, porto di approdo di molte imbarcazioni. Leonardo arrivò a Milano nel 1482 e vi restò fino al 1499…

Se l’omo ha in sé il laco nel sangue, dove cresce e dicresce il polmone nello alitare, il corpo della terra ha il suo oceano mare, il quale anche lui cresce e dicresce ogni sei ore per lo alitare del mondo; se dal detto lago di sangue diriva vene, similmente il mare oceano empie il corpo della terra d’infinite acque”.

Il laghetto di Santo Stefano nel 1857 venne coperto. E scomparì per sempre.

La nostra prima danza avviene nel ventre, un ventre colmo d’acqua.

Nel Medioevo pensavano che la sapienza dell’anima passasse nel corpo del bimbo attraverso l’utero materno… allora forse… dal ventre passano al figlio anche le passioni della madre…

p.s.

Per chi volesse saperne di più sull’attività di Daria, questo il link al suo sito: http://www.kishkindha-purnayoga.org

( Nell’immagine, il laghetto di piazza Santo Stefano, Milano. Storiedimilano.blogspot.it)

2-il-laghetto-di-santo-stefano-porto-della-fabbrica-del-duomo

 

 

WP_20161104_001.jpg

Su acero e faggio/ si poserà la brina/ malinconia.

WP_20160603_001.jpg

E’ freddo oggi:

brivido di ricordo,

non trattenermi.

Lontananza

Spiffero di minuti

vorticoso

il respiro reclama

indietro il tempo. 

 

L’iride alla partenza

schiocca  lesta 

ma poi come incantata

sta nel vuoto.

 

Gambe di muschio e terra  

schiena a fuso

la fronte liscia ora

da bambina.

 

Muta nei solchi a lato

ciglia ferme

mobile ogni tua ruga

nel pensiero.

Navigazione articolo