adrianalibretti

Poesie, prose, foto e dipinti

Archivio per il tag “amore”

Vi ninno foglie: / canto finché non siete / accartocciate.

20171118_154457

 

Annunci

Callicarpa

Non so la parte mai

non so la parte

rinuncio al ruolo

sasso con il foro

pietra bucata

quasi mitragliata

pizzichi vuota

gola rinsecchita.

Con gran fatica

arranca ogni pensiero

neonato nero

sguardo celestiale.

Non so la parte io

mi tiro indietro

e frugo frugo

in cerca del copione

che mi è sottratto

perché già mutato

nelle battute

personaggi

trama.

Smarriti appunti

note d’intenzioni

al posto loro

dei romanzi fiume

che non potrò all’intero

recitare giacché sì

tutto son tenuta a dire

prima che il giorno

faccia colazione.

Amore invita a

stare per andare

non aspettare

non interpretare

muovo le mani

soffio sulla carta

sei tu a parlare

dolce callicarpa.

20171029_122217

(Callicarpa)

Vitis vinifera

Ipotesi errata:

quindi, non la wisteria

non il ginko.

D’ottobre il terzo

segreto giunse

comunque di martedì

come previsto.

 

Inspiro vermiglio

rosso della barbera

per la sfida a colori

là nell’orto quando

-inaspettata amata-

tu mi attiri

le venature ruoti

e agiti paillettes

lungo il picciuolo.

Vitis vinifera

dall’inebriante vita

come ho potuto

proprio te ignorare?

Fremere fai

pupille

papille gustative

qui ahah

qui ahahah

oh quanto ridere!

 

Qui

sulla linea che

da una sponda all’altra

curva traversa

tutto intero

il palmo.

In allegria stormisci

-frusc frusc –

e a stormire continui

-fatale distrazione-

nella molle caduta

sotto suole altrui.

 

Da laggiù

-frusc-

odo ancora

mille vite possiedi

(più di un gatto)

senza timore canti

di frammento

in frammento

all’infinito.

IMG-20171021-WA0002

 

 

TI SENTO ACCANTO

MI SFERZA MA D’AMORE

IL TUO ALEGGIARE.

D’OTTOBRE IN TRASPARENZA

INTUISCO LA TRAMA.

IMG-20170926-WA0002

Larici

Ho riavuto

occhi da bambina

-sguardo che brilla-

ma non la tua

e tua soltanto

voce.

Accento

da gomma americana

mano farfalla.

A quattro zampe

avvisto

bruscoli di passato

come un vecchio

lattante.

I sensi s’allertano

-hai ragione-

lungo la cresta.

Ascolto gruppi rock

degli anni andati

e dell’imprevedibile

piango.

Ti so fermo o

meglio ti sospetto

-forse-

fermo davvero

stato che a te

non appartiene.

Ti offro dunque

da oggi

e per ogni autunno

-aderisci al patto-

il mio tremulo

trampolino di ciglia.

Ti spingerò nell’aria

battito dopo battito

di poco eppure

-fidati-

con determinazione

verso l’ocra

dei larici.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

T’è indifferente?/ Resta che t’amo e t’amo/ cielo d’estate.WP_20170814_002

Nelle acque

Per rivederti

ho traversato

acque.

Chinato

il dorso

sotto

le cascate.

Sudato

in un anfratto

della grotta.

In nebbia

d’onda

a fondo

respirato.

Sorriso

nelle bionde

rifrazioni.

Brindato

in allegria con

i fantasmi.

Pianto

a dirotto

al fuoco

di Prometeo.

Sorbito

ogni mia

gocciola

di sale.

Poi quando

– nuovamente –

è stata notte

la tua visita

– ecco –

all’improvviso.

Oh volto

mani

polsi

corpo tutto!

E tu che dici

– oh voce –

Io ti amo.

Gli occhi

distolgo

inghiotto

il desiderio

calpesto

bolle

d’incredulità.

Gli occhi

distolgo

per un soffio

uno.

Mi guardo

attorno

e già

qui

non sei

più.

WP_20170521_002

Peperoncino

passo di samba gioco

fuoco d’estate.

Non appassisci amore

sbocciato a primavera.

WP_20170613_002

Vocale

WP_20170415_001

C’è chi

cesella

in oro

le parole

chi ogni giorno

arabesca

i desideri.

Carapace

parola

cara-pace

troppo spesso

cercata

a diniegare.

Ma se

ideale amore

non è dato

resta

imperfetto amore

non perduto.

Esoscheletri

vedo

sul soffitto

traballanti

fonemi

sensi

doppi.

Vieni

linea di luce

fontanile

nuda vocale

te

voglio

scagliare.

A nulla

vale

pingere

finzione:

un calligramma

brilla e

ci contiene.

Perdo la scarpa:

pulsa nel piede un cuore

arroventato.

WP_20170528_001(Tecnica mista su tela)

Navigazione articolo